RSS

Meglio una zanzara viva

Io odio il ronzio delle zanzare dentro l’orecchio, lo sai, mi irrita il gran simpatico.
Insomma la vedo, anzi la sento prima, proprio qui dentro l’orecchio sinistro che è quello più sensibile, lo sai. Prendo un pescura e glielo lancio. Il pescura vola via dalla finestra, ovviamente aperta per l’afa d’agosto. Giù c’è un bar, in uno dei tavoli un cappuccino poggiato. Il pescura è il mio zoccolo, lo sai, tipo Dr. Sholls. Il proprietario del cappuccino, sarà stato un inglese che prende il cappuccino a merenda che per me ci sta come i cavoli, senza offesa, allunga la mano per prendere la tazzina, arriva lo zoccolo che centra la tazzina, il poveretto fa un balzo indietro per la sorpresa o per paura di macchiarsi non so. Il ragazzo del supermercato passava in quel momento col carrello della spesa colmo di litri d’acqua minerale san qualcosa e l’inglese del cappuccino cadendo all’indietro urta il carrello del garzone che sfugge dritto, scende il marciapiedi e noncurante del traffico, attraversa fuori dalle strisce pedonali. La panda rosso metallizzato, prima in classifica, sterza e capotta su una seat marea in tripla fila divieto di sosta, riservato agli avventori di caffè veloci del bar, la seconda fila è per la farmacia, la prima sempre vuota per il divieto. Sopraggiunge un autobotte di carburante che per evitar la panda che voleva evitare il carrello, frena, sterza e si ribalta proseguendo il cammino con una bella scivolata di cento metri almeno, stile pattinatrice sul ghiaccio, trasportandosi appresso diverse cose tipo un’edicola completa di riviste porno, fiori e piante innaffiate spesso dal fioraio, fioraio compreso, insegna luminosa di sera del sexy shop, due scooter smarmittati con quattro passeggeri senza casco così imparano, fiat varie poco male ed altri ammennicoli compreso qualche cane con medaglietta o senza non so. Si schianta finalmente sulla tipo ferma dal benzinaio col pieno già fatto ed il proprietario fatto pure lui che butta il mozzicone, sprecone, giusto sulla benzina fuoriuscita dalle lamiere della sua auto e boom pazzesco, assordante con pezzi di tutto per aria: pomelie gente donna moderna vibratori varie misure dvd porno e non bambole gonfiabili scoppiate rose rosse pezzi di fiori e di fioraio sellino piaggio contagiri honda code di cane e altro, proprio mentre passava l’aereo personale del capo del governo. I caccia di scorta credono ad un attentato dell’opposizione e ricevono l’ordine immediato, che eseguono, di sganciare due razzetti anti sommossa. I radar americani colgono le esplosioni, credono ad un attacco di Gheddafi e lanciano missili sulla Libia per difendere la dentiera del prezioso alleato. I cinesi rispondono all’onta e cancellano Israele che però fa in tempo a radere al suolo la Siria, lo sai.
Ma poi l’equivoco viene chiarito e fanno tutti pace.
Ora mi chiedo, lo sai: “Ma la zanzara… l’avrò colpita?”

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

pensierifusi

Un posto dove scrivere

catepat07

Dare spazio alle idee cinema, letteratura e televisione

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

Dopo le colonne d'Ercole

Ogni tanto mi fermo e scrivo. Punto.

In Parte Me

" Fai della vita la tua forma d'arte, che ogni attimo possa diventar verso ed ogni giorno pagina." Questa è la mia arte. Questa è la mia storia. Questa è la mia vita. Almeno in 'parte'...

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Una webcam sempre accesa nella stanza di Calipso

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

Martina's World Wide Web

A world always under costruction...

Ohmarydarlingblog

Un volo di farfalle

losfogolinguistico

Just another WordPress.com site

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Moda Gégè

C'est génial

Bookolico

Leggi, ovunque, quando vuoi.

A crescere come si fa

"Con tutto quello che succede in una vita come questa, forse è meglio se la strada non è proprio quella giusta".

pensieridatergo

Just another WordPress.com site

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

Andrea T. (un po' come Melissa P.)

Tutto quello che leggete in questo blog è opera di pura fantasia e tutta la mia fantasia è protetta dal Copyright.

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Laboratorio Romanzo

condivisione di un primo capitolo in progress

come foglie al vento

Del passato conservo solo i ricordi

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: